“Canzoni in transito” il nuovo progetto di Eleonora Magnifico a Brindisi. La cena evento al Rendez-VouS

Venerdì, 13 dicembre, al Rendez-Vous Cafè & Bistrot, via Conserva a Brindisi, andrà in scena il live show “Canzoni in transito”. La voce intensa e piena di magiche sfumature di Eleonora Magnifico sarà supportata musicalmente dal pianoforte di Luana Ricci, concertista e musicista raffinata, che proviene dal blues e dal jazz, conferendo un tocco di classe e di pura energia all’intero live.

eleonora magnifico

Un selezionato repertorio, tra il pop d’autore e le grandi icone della canzone italiana,  da Mina a Battiato, da Patty Pravo a Lucio Dalla, in chiave pop acustica, tra classe, pathos e ironia.
Il nuovo progetto dell’artista barese esordisce a Brindisi.

Per info e prenotazioni: 0831-591038 – 335-6363345

https://www.facebook.com/rndvoobrindisi/?ref=bookmarks

Vincenzo Linzalata, un brindisino che non c’è più

Il titolo (“Vincenzo Linzalata, un brindisino che non c’è più”) non piace neppure a me: perché siamo stati creati con un anima. Ed un anima immortale. Dove poi essa vada è delicata quaestio -sebbene sia quello che conta davvero- e non ne parliamo in questa sede. Ma è certo che Vincenzo ora “esiste”. E non “reincarnato” o altre stramberie o credenze spesso importate da tradizioni orientali (il buddismo, ad esempio): no. La sua anima, immediatamente dopo la morte, è comparsa al cospetto di quel Padre d’amore immenso, quel Signore misericordioso, quel Gesù giusto Giudice. E lo ha, appunto, giudicato (CCC 1022 : è il Catechismo, non me lo invento io)

VINCENZO LINZALATA

Ma la “notizia”, diciamo così, esula da queste elementari verità di fede. Ed è, purtroppo, la triste notizia della improvvisa morte di Vincenzo Linzalata, brindisino, classe 71. Aveva lasciato la città adriatica come moltissimi altri. Meta il centro nord. L’Emilia Romagna in questo caso. E precisamente Colorno, un comune situato in quella zona di confine fra le province di Parma, Cremona, Mantova.

VINCENZO LINZALATA 3A Colorno Vincenzo faceva il vigilantes (o la Guardia Giurata, come diciamo noi più grandicelli) ed era anche in gamba. Appassionato di pallone -un “vizio” certamente preso nella infanzia e poi adolescenza trascorsa al Villaggio San Paolo (un subquartiere del Rione Perrino) – lì, nella terra dove un altro brindisino (Benarrivo) ha fatto un enorme successo nel calcio, aveva coltivato tale passione:  allenatore e poi dirigente. E l’aveva trasmessa anche ai figli -tre- che ha avuto dalla moglie Anna (una brava ed apprezzata maestra). Non solo Christian -promettente portiere- e Simone ma persino Emanuela, la figlia sedicenne, gioca nel Parma Calcio!

Ed ecco che la improvvisa morte -un tragico schianto contro un ponte in pietra e cemento che fiancheggiava la Strada Asolana nei pressi di Sanguigna – mentre era nel suo servizio di vigilantes, ha veramente colpito la comunità di Colorno che si è stretta alla sua famiglia. Gli volevano bene a Vincenzo che, ripeto, era ben conosciuto nella sua città di adozione. E nella notte tra martedì 28 e mercoledì 29 Maggio 2019 la tragedia. (CLICCA QUI per maggiori dettagli) 

Vincenzo Linzalata era da anni una Guardia Particolare Giurata di importanti Istituti Privati della città. Vittima di un tremendo incidente stradale ieri notte, è deceduto mentre svolgeva la sua attività di servizio e di pattugliamento nella zona di Colorno” questa una parte del Comunicato dei colleghi che così prosegue: “Costernati e subito attivamente vicini alla famiglia, lo hanno appreso nella primissima mattina di oggi i tanti lavoratori della Vigilanza Privata della provincia, che ben conoscevano Vincenzo.”

Ecco, finiamo qui queste brevi note. Era doveroso ricordare questo concittadino -questo pugliese- che è morto improvvisamente e prematuramente. Ed era doveroso soprattutto per me che sono stato suo compagno di scuola, per tre anni. A Dio Vincenzo! Conta sulla mia povera preghiera. E che il Signore possa donare ai tuoi figli, tua moglie ed i tuoi familiari tutti, quel Celeste conforto e Fortezza che solo Lui, il Creatore, può darci.

cosimo de matteis

Il funerale sarà lunedì mattina, 3 Giugno 2019,  alle ore 10.30 al Duomo di Colorno (Parma)

“Difendi la Patria. Dai Valore alla Vita” – Seminario a Brindisi su donazione e trapianto di organi

Seminario-AIDO-GDF-30-11 (1)Il Gruppo Comunale “AIDO – Associazione Italiana per la donazione di Organi Tessuti e Cellule “Marco Bungaro” di Brindisi e il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Brindisi insieme per la solidarietà sociale, l’importanza e la cultura della donazione di organi, tessuti e cellule tra il personale militare.

Venerdì 30 novembre 2018 a partire dalle ore 10:00 nella sala Conferenza della caserma “Apruzzi” della Guardia di Finanza di Brindisi in Via Nicola Brandi del Capoluogo Adriatico alla presenza degli stessi Militari delle Fiamme Gialle, si terrà il seminario sul tema “Servire la patria dando anche valore alla vita – I Trapianti d’organo e la cultura della donazione”.

AIDO LogoL’importante incontro, moderato dal giornalista Nico Lorusso sarà caratterizzato dalla presenza di specialisti dell’ambito sanitario, vertici AIDO e responsabili delle Fiamme Gialle che promuoveranno tra i militari la cultura della donazione.

L’ordine degli interventi sarà così strutturato

Saluti Istituzionali:

– Col. T.St Pierpaolo Manno – Comandante Provinciale Guardia di Finanza Brindisi
– Sig.ra Dorina Piliego- Presidente AIDO Gruppo Comunale “Marco Bungaro” Brindisi

Relatori:
– Comm. Vito Scarola – Vice-Presidente nazionale AIDO
– Dott. Federico Ruta – Infermiere alle Attività della Donazione di Organi e Tessuti

Finanza-caserma

Caserma “Apruzzi” della Guardia di Finanza di Brindisi

L’appuntamento rientra ed è parte integrante della campagna “Difendi la Patria. Dai Valore alla Vita”, originata da un Protocollo d’Intesa tra i Ministeri della Difesa e della Salute al fine di promuovere iniziative per la diffusione del messaggio della donazione e del trapianto di organi, tessuti e cellule. Per attestare la propria volontà di assentire, in caso di decesso, al prelievo degli organi e tessuti a scopo di trapianto, è necessario compilare un modulo, atto olografo, per ricevere la Card del Donatore ed essere inseriti nel SIT – Sistema Informativo Trapianti, il database nazionale.

Il consenso alla donazione degli organi, pone una seria riflessione personale sull’argomento della donazione degli organi, stimolando l’opinione pubblica ad una informazione più sensibile al riguardo posto che il numero delle persone in lista di attesa per un trapianto d’organi è in aumento e spesso è l’unica terapia capace di salvare la vita di una persona, forse la nostra o quella di un nostro caro. Per questo è assolutamente indispensabile informare correttamente, dissipare dubbi e perplessità ed invitare ad una presa di coscienza sulla necessità ed utilità di diventare donatori post-mortem.