CORONAVIRUS: BOLLETTINO REGIONE PUGLIA

Per verificare la mappa dei contagi in Puglia CLICCARE QUI 

IL VIRUS

 

CORONAVIRUS: BOLLETTINO REGIONE PUGLIA 19 MARZO

Il sistema di rilevazione regionale dei dati sui soggetti positivi a Covid-19/Coronavirus da oggi cambia. D’ora in poi il dato pugliese sarà allineato a quello comunicato nella conferenza stampa del Dipartimento della Protezione civile.

E sarà possibile mettere a confronto i dati con il giorno precedente.

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, comunica che oggi 19 marzo (dato aggiornato alle ore 15) sono stati effettuati 613 test in tutta la regione per l’infezione da Covid-19 Coronavirus.

 

CASI POSITIVI COVID19 IN PUGLIA

 

Dato per provincia 19.03.2020 18.03.2020 Differenza
BARI 137 119 18
BAT 26 25 1
BRINDISI 75 71 4
FOGGIA 134 118 16
LECCE 71 70 1
TARANTO 23 21 2
TOTALE REGIONE 466 424 42
non nota (in elaborazione) 2 14 -12
Fuori Regione 10 0 10
TOTALE (DATO PROTEZIONE CIVILE) 478 438 40

Il totale dei casi positivi Covid è 478, di cui:

466 attribuiti a residenti nelle province della regione;

2 per i quali è in corso l’attribuzione della relativa provincia;

10 attribuiti a residenti di altre regioni.

I nuovi casi risultati positivi a Covid-19 oggi 19/03/2020 sono 42, cosi suddivisi:

18 in Provincia di Bari;
1 in Provincia Bat;
4 in Provincia di Brindisi;
16 in Provincia di Foggia;
1 in Provincia di Lecce;
2 in provincia di Taranto.

Risultano decedute tre persone, una di 79 anni nella provincia Bat , una nella provincia di Bari e una nella provincia di Foggia.

Da oggi è possibile anche comparare i dati con quelli del giorno precedente: come si può leggere nella tabella, ieri 18/03/2020 il totale dei casi positivi al Covid-19 era di 438, di cui 424 attribuiti ai residenti nelle province della regione e 14 in corso di attribuzione.

Con questo aggiornamento salgono a 466 i casi positivi di cittadini residenti in Puglia per l’infezione da Covid-19 Coronavirus, rispetto ai 424 di ieri comunicati alle 20.30.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Let’s go guides cerca guide turistiche nelle province di Brindisi, Lecce, Taranto, Bari, Bat e Foggia

let's goSei una guida turistica riconosciuta dalla Regione Puglia e hai da proporre tour e visite guidate, classiche o alternative? Oppure sei un esperto del territorio, hai una associazione che opera nell’ambito del turismo, sei un produttore locale che apre le sue porte a curiosi e turisti?
Per questo è nato il progetto Let’s go guides, vincitore del bando Pin 2018.
E ora sta cercando professionisti in tutte e 5 le province pugliesi: Brindisi, Lecce, Taranto, Bari, Bat e Foggia.

Si tratta di un portale in cui si incontrano visitatori con i ciceroni e gli esperti di Puglia, i quali possono raccontarsi e raccontare loro i propri itinerari.
Aderire a Let’s go guides è facilissimo ed è gratuito, ecco perché è un trampolino di lancio per guide neo riconosciute ed è una occasione in più per veterani che vogliano ampliare la propria cerchia di interesse senza intaccare i loro già consolidati canali di promozione.
Il turista diretto in Puglia, potrà scegliere direttamente il Cicerone più adatto ad accompagnarlo nel suo viaggio o potrà prenotare la migliore esperienza assistito da esperti, preparandosi così a vivere la sua visita in Puglia, accompagnato da professionisti appassionati del proprio mestiere e della propria terra.

Contattando direttamente la guida che propone l’itinerario preferito o scegliendo l’attività più interessante per i suoi gusti, finalmente, il turista non sarà costretto a subire una visita guidata, ma potrà sceglierla e viverla assieme al suo Cicerone o esperto del territorio, che gli racconterà una delle terre più belle del mondo: la Puglia.

foto let's go guides (1)

Lo staff di Let’s go guides è a tua disposizione per assisterti in ogni passaggio dell’iscrizione ma anche successivamente. Sul sito www.letsgoguides.com c’è anche un numero diretto di cellulare al quale rivolgersi per ogni domanda.

home vieni a viaggiare in puglia

Let’s go guides è partner di Vieni a viaggiare in Puglia, il blog di promozione turisticaa della nostra regione che sceglierà gli itinerari più scelti e più fotografati da raccontare e divulgare.

Per Natale regalati un’opportunità, regalati Let’s go guides e inizia l’anno nuovo con l’itinerario giusto.

SI ACCENDONO «LE LUCI DI BRINDISI»: DAL WALKSCAPE ALL’INSTALLAZIONE LUMINOSA

«Le Luci di Brindisi» si accendono e il Natale regala subito la sua inconfondibile atmosfera. Alle luci della festa, che vestono la città di colori nuovi e di magia, si ispira il titolo della rassegna organizzata dal Comune di Brindisi e dalla Fondazione Nuovo Teatro Verdi, oltre un mese di iniziative tra le festività natalizie e l’inizio del nuovo anno, dedicato alle tradizioni e alla riscoperta dei luoghi più familiari.

BRINDISI - VEDUTA AEREA PORTO

Così, nella mattinata di sabato 8 dicembre si entra nel vivo con l’esperienza del walkscape, il “paesaggio camminato” per conoscere la città “dal basso”, un modo per scoprire la storia, l’arte e la bellezza del territorio in modo attivo e partecipato. Il walkscape è una camminata che propone una rilettura del paesaggio, un invito ad osservare, ascoltare, disegnare, scrivere, fotografare, raccogliere, per ricostruire storia e identità del luogo attraverso tracce nascoste, dettagli apparentemente insignificanti.

Titolo del walkscape «Brindisi Porto di Pace»: al centro la storia dell’accoglienza e solidarietà nel porto di Brindisi dal mondo antico ai nostri giorni. Si parte alle ore 10,30 da piazza Santa Teresa con tappe in via Pasquale Camassa, Palazzina del Belvedere e piazzetta Colonne, lungomare Regina Margherita (Dogana) e piazza Vittorio Emanuele (giardinetti del porto). La passeggiata dura circa due ore. Info 348 7288029.

Brindisi ha disegnato la sua storia intorno al suo caratteristico porto naturale, dalla forma a testa di cervo, da cui deriva il nome stesso della città: un vero e proprio porto di pace per chi fuggiva dalle persecuzioni, dalla fame e dalla guerra. Il walkscape non poteva che partire da lì, dal porto e dal suo lungomare: «Brindisi Porto di Pace» ripercorre in cinque tappe un aspetto inedito e da molti ignorato della storia di Brindisi, un lungo filo rosso che segna il percorso della città dall’antichità fino ai nostri giorni e che il turista o il cittadino distratto troppo preso dalla contemplazione del bellissimo panorama a volte non riesce a cogliere. L’itinerario è stato ideato da Giovanna Bozzi, segretaria nazionale dell’ANISA in collaborazione con l’associazione ETRA.

Sempre sabato, alle ore 19, la scena si sposta sul terrapieno antistante il Nuovo Teatro Verdi per l’inaugurazione e l’accensione di un’opera d’arte luminosa e interattiva, #BrentionTherapy, ispirata a uno dei simboli identitari della città, progettata e realizzata “site specific” dall’artista David Cesaria per «BrindisiLightArt», a cura di Ilaria Caravaglio. L’opera unisce il design degli origami alla tecnica delle tradizionali luminarie del nostro territorio ed è pensata per diventare uno strumento di promozione del territorio, in particolare con l’ausilio dei social: cittadini e turisti saranno invitati infatti a scattare un selfie con l’originale luminaria e condividerle su Facebook ed Instagram utilizzando l’hashtag #BrentionTherapy.

Molti studiosi ritengono che il nome della città di Brindisi, «Brention» in lingua messapica, derivi dalla conformazione ramificata del suo porto, a “testa di cervo”, eletta a simbolo della città assieme alle due colonne romane: alla bellezza della scultura e della luce si aggiunge la magia del colore, con i suoi effetti terapeutici per chi osserva. Così prende vita #BrentionTherapy, destinato a svettare accanto all’arco ad ogiva fino al 6 gennaio. Brindisi è pronta ad accogliere e “viralizzare” una “epidemia di luce e colore” e, attraverso le fotografie e la condivisione social, lasciarsi contagiare dalla bellezza dell’arte e dall’ironia dell’artista.

David Cesaria, definito dalla critica «un apolide moderno studioso della trasformazione del nulla in contenuto», aprirà le porte della sua «Bottega d’artista», nel Complesso ex Scuole Pie dal 10 al 12 dicembre, occasione nella quale i visitatori potranno vederlo all’opera mentre realizza un modellino in scala ridotta.

Fiaccolata per un cane. Succede anche questo (a san Pietro Vernotico)

“Siete tutti invitati a ricordare con noi Jako, nel modo più pacifico e sereno possibile  la mano dell’uomo è stata crudele si, ma noi ci riuniremo per ricordare un’anima innocente, per ricordare ai suoi cari che non sono soli. Per ricordare a tutti che la vita è sacra e va rispettata. Il resto lo lasciamo fare alle autorità. Vi aspettiamo per questo ultimo saluto a Jako”

jako-2.jpeg

Immagine presa dal Sito Web “Brindisi Report.it”

Letto così sembra un ricordo o un necrologio per un uomo – magari un bambino indifeso ed innocente – barbaramente assassinato da un mafioso. In realtà si tratta di altro. Nessuna persona è stata uccisa: il Jako di cui si parla è un animale. Per la precisione un vecchio cane, morto in seguito ad ustioni, in un paese della nostra regione (noto per aver dato i natali a Domenico Modugno). La vicenda dell’animale la trovate su tutti i giornali (compreso Corriere e Repubblica) ed è pertanto inutile che ve la raccontiamo noi.

Dispiace che parliamo per la prima volta di San Pietro Vernotico per una vicenda non bella e non edificante. Pazienza. Speriamo vi saranno altre occasioni per articoli di diverso tenore. Va da sé che la Redazione de “La splendida Regione Puglia” non presenzierà alla fiaccolata ed al minuto di silenzio: pensiamo che certe manifestazioni andrebbero fatte per cose un poco più importanti. Sei milioni di esseri umani – uomini, persone, con l’anima immortale- negli ultimi decenni, in Italia,  sono stati uccisi nel grembo delle loro mamme. Esserini innocenti ed indifesi.