CAMPO DI MARE…IN FERMENTO !!!

Sul suggestivo piazzale panoramico di Campo di Mare (marina di San Pietro Vernotico BR) famoso per i suoi tramonti mozzafiato e il cielo stellato con giochi lunari spettacolari nelle serate del 10-11 e 12 agosto, si terrà la prima edizione CAMPO DI MARE…IN FERMENTO  animata a suon di  musica, sorprese, buon cibo e fiumi di birra artigianale.

fermento

Dopo il successo dell’ormai nota settimana estiva che si svolge annualmente a Leverano, dedicata a “Birra & Sound”, la Mebimport partecipa in collaborazione con “Scialla food & Beverage” alla festa dell’anno estate 2018 ” IN FERMENTO” dove suoneranno dal vivo sul grande palco, gruppi musicali, solisti, cantautori e scatenatissimi Dj pronti a dare un botta di vita a tutta la terra del nord Salento!

Evento gratuito aperto a tutti, ampi parcheggi.  

Start Festa

1° serata Venerdì 10 Agosto ore 20:00;

2° serata Sabato 11 Agosto ore 20:00;

3° serata Domenica 12 Agosto ore 20:00.

Annunci

Mare e vento: è “quasi estate” in Puglia

mare 17 giugno 18

C’è chi legittimamente ama le spiagge belle curate e chi, altrettanto legittimamente, non è proprio un amante delle spiagge specie se affollate. Questo non è un “sito minore”, è ancora meno! Sicché nessuna foto di mega-super-stupende spiagge e niente propaganda più o meno occulta a strutture ricettive site in  luoghi particolari.

Solo semplici foto, fatte con equipaggiamenti di fortuna, di una passeggiata domenicale primaverile (si, l’estate entra ufficialmente giovedì 21). Non tutte, naturalmente. E neppure quelle “personali” che vi vengono accuratamente risparmiate (eppure alcune son venute bene!).

mare 17 giugno 18 a

TORRE GUACETO – Importante avviso per i bagnanti di Penna Grossa

 

tg

Stop alle auto nelle immediate vicinanze della Riserva

Nell’ottica di una crescente riduzione dell’impatto antropico sull’area protetta di Torre Guaceto oggi è stato raggiunto un altro importante risultato. Nell’ultimo periodo, il Consorzio di gestione della Riserva in accordo con il Comune di Carovigno e Anas ha lavorato alla stesura di un piano che permettesse di imporre un blocco alla circolazione dei veicoli non autorizzati nelle aree Sic (Sito di importanza comunitaria) di Torre Guaceto.

TORRE GUACETO
Ad esempio, un’area che subiva l’azione dell’uomo è quella corrispondente alla via che dal ponte di Punta Penna Grossa conduce sino al Centro Recupero Tartarughe Marine “Luigi Cantoro” e alle spiagge.
Dopo un lungo lavoro, in questi giorni, Anas ha emanato un’ordinanza con la quale vieta la circolazione dei mezzi non autorizzati proprio nel tratto di strada su indicato. Gli utenti della Riserva e delle sue spiagge dovranno accedere all’area protetta recandosi nell’area servizio a sud della stessa, sita in zona Apani e quindi spostarsi all’interno di Torre Guaceto fruendo del servizio navetta, o nei pressi di Punta Penna Grossa, porta a nord, lasciando le proprie auto nelle aree parcheggio che sono state individuate alcune mesi addietro per l’annualità 2017 dal Comune di Carovigno e utilizzare, anche in questo caso, il servizio navetta.

Questo è un importante risultato che, unito a tutte le altre attività portate avanti dal Consorzio di Gestione di Torre Guaceto permetterà di tutelare sempre meglio la Riserva.
Inoltre, l’ordinanza Anas fa il paio con il piano del Consorzio, inserito nel programma per la Carta Europea del Turismo Sostenibile, per un progressivo allontanamento delle aree parcheggio dalle zone particolarmente delicate di Torre Guaceto.

Infatti, dopo una serie di tavoli tecnici che si sono tenuti negli ultimi mesi tra Consorzio di gestione di Torre Guaceto, Aeronautica Militare, Regione Puglia e Comune di Carovigno, prossimamente il Corpo acquisirà una superfice destinata al distaccamento militare molto meno ampia rispetto a quella utilizzata attualmente e la restante parte verrà affidata al Consorzio che attuerà interventi di ingegneria naturalistica per portare le aree degradate dalla sosta delle auto a divenire habitat naturali.
“Abbiamo lavorato per una più funzionale predisposizione della viabilità stante le centinaia e centinaia di autovetture che interessano l’area nella sua parte esterna e di servizio – spiega Teodoro Nigro, comandante della polizia municipale di Brindisi e consigliere di Amministrazione del Consorzio di gestione di Torre Guaceto per il Comune di riferimento -, l’azione del cda continuerà nell’ottica della massima tutela della Riserva Naturale come delimitata dai provvedimenti amministrativi”.
Invitiamo tutti gli utenti della Riserva a rispettare il divieto di circolazione sulla strada per Penna Grossa. Questo sia perché chi vuole fruire di Torre Guaceto deve sempre tener conto del suo status di area protetta, se così non fosse oggi non avrebbero la possibilità di godere di tanta bellezza, sia perché il posteggio di auto in aree non autorizzate potrebbe creare problemi nell’eventuale circolazione di mezzi dei vigili del fuoco e del 118.

BRINDISI – “i 700 mila euro risparmiati si usino per rendere la città pulita”

BRINDISI

Brindisi – Monumento al Marinaio d’Italia (foto di cosimo de matteis)

Il Commissario Prefettizio utilizzi i 700 mila euro risparmiati per l’estate brindisina per rendere la città più attraente e pulita.

E’ questa la proposta di Paolo Taurino, coordinatore provinciale di Noi Con Salvini.

“In poco tempo il Dott. Giuffrè ha fatto il lavoro che non era riuscito a fare chi c’era prima di lui. In tema di rifiuti ha mandato via Ecologica Pugliese e l’azienda scelta “ECOTECNICA” sta rispondendo bene. Sono certo che tra qualche giorno dimenticheremo la brutta e lunga parentesi legata alla cattiva gestione del sistema rifiuti.

Adesso occorre continuare e fare sempre meglio perchè la città deve essere finalmente valorizzata come merita”.  

2017-05-29 15.28.53

E qui la proposta di Taurino: “Per questo mi permetto di avanzare una umile proposta al Dott. Giuffrè. Nelle pieghe del bilancio comunale approvato dall’Amminsitrazione Carluccio vi sono circa 700.000 euro che la vecchia amministrazione aveva destinato per manifestazioni e prebende varie alle associazioni amiche.
Con qualche piccola variazione di bilancio, parte di quel “tesoretto” potrebbe essere utilizzato per impiegare i precari, anche part-time, e garantire una città sempre più pulita, anche di notte, nelle marina e nei posti più frequentati dai brindisini e dai visitatori”.
BRINDISI - Colonne Romane

BRINDISI – Colonne Romane e Scalinata Virgilio (foto di cosimo de matteis)

Noi con Salvini pensa anche alla sicurezza e al decoro cittadino: “Considerato che troppi luoghi del centro cittadino sono invasi da auto guidate da persone incuranti dei divieti di sosta (uno su tutti, Piazza Mercato), mi permetto di proporre  al Commissario di utilizzare le risorse risparmiate per l’estate brindisina per intensificare il servizio di Polizia Urbana prevedendo l’utilizzo dellepattuglie fino alle ore  24.00  (alle 2.00 nei weekend) almeno per il periodo che va da15 luglio al 15 settembre”.
“Siamo certi – conclude Taurino – che il Commissario Giuffrè prenderà in considerazione queste mie semplici proposte per regalare maggior decoro, pulizia e sicurezza alla nostra città”

 

Paolo Taurino  – Coordinatore Provinciale Noi con Salvini Brindisi

Puglia “vintage” : la spiaggia brindisina di Sant’Apollinare

s.apollinare

 

Una immagine della spiaggia di Sant’Apollinare -per lungo tempo la spiaggia per antonomasia di Brindisi- situata praticamente a pochi passi dal centro della città. Alle spalle si vede il noto Monumento al Marinaio d’Italia che quasi troneggia sugli specchi d’acqua del porto di Brindisi, fra i più sicuri dell’intero Mediterraneo come ben sapevano i Romani. Il porto di Brindisi è tripartito: porto interno che praticamente lambisce la città e coi due seni -di Ponente e di Levante- la “abbraccia”. Il porto medio, di là del canale Pigonati, che inizia con Sant’Apollinare: vasto e tranquillo specchio d’acqua sede d’approdo delle navi traghetto (Costa Morena) ed infine il porto esterno che dà sul mare aperto.

foto di cosimo de matteis

BRINDISI – PORTO INTERNO E MONUMENTO AL MARINAIO D’ITALIA (foto di cosimo de matteis)

br - VEDUTA AEREA PORTOPostilla per i turisti: se cercate la bella spiaggia di Sant’Apollinare sappiate che essa, da decenni ormai, non esiste più perchè sacrificata dissennatamente per dare spazio alla centrale elettrica a carbone ed al petrolchimico (ed altre pulitissime industrie). Scelte compiute dalla classe dirigente di allora. Anche un bambino si rende conto che la zona industriale non doveva sorgere lì -attaccata alla città ed inquinante una delle più belle zone di Brindisi- e che viceversa lì sarebbe dovuto restare territorio “vergine” e ovviamente ben curato ed attrezzato. Non per ideologismo ottuso né per terrorismo ecologista: solo buonsenso.