Ecco il nuovo Altare della chiesa “San Nicola” al quartiere Paradiso (LE FOTO)

altare san Nicola

Il nuovo Altare della Chiesa parrocchiale “San Nicola” , quartiere Paradiso – Brindisi

Nella giornata odierna, Mercoledì 12 Dicembre 2018, Sua Eccellenza Monsignor Domenico Caliandro, Arcivescovo della Diocesi di Brindisi – Ostuni ha consacrato l’Altare e la chiesa parrocchiale del rione Paradiso di Brindisi. La chiesa è dedicata a San Nicola.

consacrazione - 12 dic 18

 

L'immagine può contenere: spazio al chiuso

L'immagine può contenere: una o più persone e bimbo

L'immagine può contenere: 3 persone, persone in piedi

L'immagine può contenere: una o più persone e spazio al chiuso

 

 

L'immagine può contenere: 3 persone

Annunci

SI ACCENDONO «LE LUCI DI BRINDISI»: DAL WALKSCAPE ALL’INSTALLAZIONE LUMINOSA

«Le Luci di Brindisi» si accendono e il Natale regala subito la sua inconfondibile atmosfera. Alle luci della festa, che vestono la città di colori nuovi e di magia, si ispira il titolo della rassegna organizzata dal Comune di Brindisi e dalla Fondazione Nuovo Teatro Verdi, oltre un mese di iniziative tra le festività natalizie e l’inizio del nuovo anno, dedicato alle tradizioni e alla riscoperta dei luoghi più familiari.

BRINDISI - VEDUTA AEREA PORTO

Così, nella mattinata di sabato 8 dicembre si entra nel vivo con l’esperienza del walkscape, il “paesaggio camminato” per conoscere la città “dal basso”, un modo per scoprire la storia, l’arte e la bellezza del territorio in modo attivo e partecipato. Il walkscape è una camminata che propone una rilettura del paesaggio, un invito ad osservare, ascoltare, disegnare, scrivere, fotografare, raccogliere, per ricostruire storia e identità del luogo attraverso tracce nascoste, dettagli apparentemente insignificanti.

Titolo del walkscape «Brindisi Porto di Pace»: al centro la storia dell’accoglienza e solidarietà nel porto di Brindisi dal mondo antico ai nostri giorni. Si parte alle ore 10,30 da piazza Santa Teresa con tappe in via Pasquale Camassa, Palazzina del Belvedere e piazzetta Colonne, lungomare Regina Margherita (Dogana) e piazza Vittorio Emanuele (giardinetti del porto). La passeggiata dura circa due ore. Info 348 7288029.

Brindisi ha disegnato la sua storia intorno al suo caratteristico porto naturale, dalla forma a testa di cervo, da cui deriva il nome stesso della città: un vero e proprio porto di pace per chi fuggiva dalle persecuzioni, dalla fame e dalla guerra. Il walkscape non poteva che partire da lì, dal porto e dal suo lungomare: «Brindisi Porto di Pace» ripercorre in cinque tappe un aspetto inedito e da molti ignorato della storia di Brindisi, un lungo filo rosso che segna il percorso della città dall’antichità fino ai nostri giorni e che il turista o il cittadino distratto troppo preso dalla contemplazione del bellissimo panorama a volte non riesce a cogliere. L’itinerario è stato ideato da Giovanna Bozzi, segretaria nazionale dell’ANISA in collaborazione con l’associazione ETRA.

Sempre sabato, alle ore 19, la scena si sposta sul terrapieno antistante il Nuovo Teatro Verdi per l’inaugurazione e l’accensione di un’opera d’arte luminosa e interattiva, #BrentionTherapy, ispirata a uno dei simboli identitari della città, progettata e realizzata “site specific” dall’artista David Cesaria per «BrindisiLightArt», a cura di Ilaria Caravaglio. L’opera unisce il design degli origami alla tecnica delle tradizionali luminarie del nostro territorio ed è pensata per diventare uno strumento di promozione del territorio, in particolare con l’ausilio dei social: cittadini e turisti saranno invitati infatti a scattare un selfie con l’originale luminaria e condividerle su Facebook ed Instagram utilizzando l’hashtag #BrentionTherapy.

Molti studiosi ritengono che il nome della città di Brindisi, «Brention» in lingua messapica, derivi dalla conformazione ramificata del suo porto, a “testa di cervo”, eletta a simbolo della città assieme alle due colonne romane: alla bellezza della scultura e della luce si aggiunge la magia del colore, con i suoi effetti terapeutici per chi osserva. Così prende vita #BrentionTherapy, destinato a svettare accanto all’arco ad ogiva fino al 6 gennaio. Brindisi è pronta ad accogliere e “viralizzare” una “epidemia di luce e colore” e, attraverso le fotografie e la condivisione social, lasciarsi contagiare dalla bellezza dell’arte e dall’ironia dell’artista.

David Cesaria, definito dalla critica «un apolide moderno studioso della trasformazione del nulla in contenuto», aprirà le porte della sua «Bottega d’artista», nel Complesso ex Scuole Pie dal 10 al 12 dicembre, occasione nella quale i visitatori potranno vederlo all’opera mentre realizza un modellino in scala ridotta.

“Difendi la Patria. Dai Valore alla Vita” – Seminario a Brindisi su donazione e trapianto di organi

Seminario-AIDO-GDF-30-11 (1)Il Gruppo Comunale “AIDO – Associazione Italiana per la donazione di Organi Tessuti e Cellule “Marco Bungaro” di Brindisi e il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Brindisi insieme per la solidarietà sociale, l’importanza e la cultura della donazione di organi, tessuti e cellule tra il personale militare.

Venerdì 30 novembre 2018 a partire dalle ore 10:00 nella sala Conferenza della caserma “Apruzzi” della Guardia di Finanza di Brindisi in Via Nicola Brandi del Capoluogo Adriatico alla presenza degli stessi Militari delle Fiamme Gialle, si terrà il seminario sul tema “Servire la patria dando anche valore alla vita – I Trapianti d’organo e la cultura della donazione”.

AIDO LogoL’importante incontro, moderato dal giornalista Nico Lorusso sarà caratterizzato dalla presenza di specialisti dell’ambito sanitario, vertici AIDO e responsabili delle Fiamme Gialle che promuoveranno tra i militari la cultura della donazione.

L’ordine degli interventi sarà così strutturato

Saluti Istituzionali:

– Col. T.St Pierpaolo Manno – Comandante Provinciale Guardia di Finanza Brindisi
– Sig.ra Dorina Piliego- Presidente AIDO Gruppo Comunale “Marco Bungaro” Brindisi

Relatori:
– Comm. Vito Scarola – Vice-Presidente nazionale AIDO
– Dott. Federico Ruta – Infermiere alle Attività della Donazione di Organi e Tessuti

Finanza-caserma

Caserma “Apruzzi” della Guardia di Finanza di Brindisi

L’appuntamento rientra ed è parte integrante della campagna “Difendi la Patria. Dai Valore alla Vita”, originata da un Protocollo d’Intesa tra i Ministeri della Difesa e della Salute al fine di promuovere iniziative per la diffusione del messaggio della donazione e del trapianto di organi, tessuti e cellule. Per attestare la propria volontà di assentire, in caso di decesso, al prelievo degli organi e tessuti a scopo di trapianto, è necessario compilare un modulo, atto olografo, per ricevere la Card del Donatore ed essere inseriti nel SIT – Sistema Informativo Trapianti, il database nazionale.

Il consenso alla donazione degli organi, pone una seria riflessione personale sull’argomento della donazione degli organi, stimolando l’opinione pubblica ad una informazione più sensibile al riguardo posto che il numero delle persone in lista di attesa per un trapianto d’organi è in aumento e spesso è l’unica terapia capace di salvare la vita di una persona, forse la nostra o quella di un nostro caro. Per questo è assolutamente indispensabile informare correttamente, dissipare dubbi e perplessità ed invitare ad una presa di coscienza sulla necessità ed utilità di diventare donatori post-mortem.

 

FUTSAL BRINDISI – I biancoazzurri vincenti contro Palo del Colle

 

squadra contro dream team palo del colle

Ritorno al successo per i ragazzi brindisini, con una cinquina di Romano e ancora una volta con il brivido della rimonta.

Scesi sul rettangolo di gioco, convinti di dare una svolta a questo periodo poco fortunato, i ragazzi di mr Di Serio, hanno dovuto fare i conti ancora una volta con la sfortuna. Conte ha subito uno stiramento nella fase di riscaldamento e non è stato impiegato per tutto l’incontro. Dopo aver messo pressione alla difesa ospite, su un ribaltamento di fronte, i biancoazzurri hanno subito un doppio colpo da parte di un ispirato Depalma, che al quarto minuto e in appena trenta secondi, ha portato i suoi in vantaggio di due lunghezze. Duro colpo, ma la reazione non si fa attendere e due minuti più tardi, i padroni di casa danno inizio alla rimonta. Ci pensa un ispiratissimo Romano, prima accorcia al sesto con una fulminea conclusione dal limite e poi pareggia all’ottavo minuto, deviando in rete una palla tirata violentemente da Spagnolo verso la porta difesa da Amati.

 

Il Brindisi sembra aver intrapreso la strada giusta, il Palo accusa il colpo e un minuto più tardi, spinto dall’entusiasmo e dall’apporto dei suoi sostenitori, Cava in contropiede, serve un assist delizioso sotto porta a Micia, che chiude sul secondo palo e porta in vantaggio i padroni di casa. Il Palo non ci sta e al 10° pareggia con Carlucci. Ritmi alti e continui ribaltamenti di fronte tengono tutti con il fiato sospeso. Al 13° è ancora il Palo a mettere la testa avanti. Carlucci porta i suoi in vantaggio per 3 reti a 4, sfruttando un’incomprensione difensiva dei brindisini. La tensione sale, il Brindisi sembra soffrire nelle situazioni di vantaggio. Anche questo incontro sembra aver preso una brutta piega, con i padroni di casa che non riescono a imporre la propria supremazia, nonostante il buon livello tecnico espresso fino a questa parte di stagione. Al 14° e al 15°, Romano da fondo alle proprie risorse tecniche e nervose, prende per mano i suoi e firma una doppietta che riporta i padroni di casa, nuovamente in vantaggio. La prima frazione si conclude con i brindisini in vantaggio per 5 reti a 4, ma si ha l’impressione che bisogna soffrire e sudare più del dovuto, se si vuole portare a casa l’intera posta in palio.

Il secondo tempo si apre nel migliore dei modi, i brindisini sembrano aver preso in mano il pallino del gioco e Cava al 7° minuto porta a sei le marcature casalinghe. Continua la supremazia biancoazzurra, tanto che al 12°, per raggiungimento numero di falli, il Palo concede un tiro libero a Macaolo, il quale trasforma e porta a tre le reti di distacco. Margine più che ragionevole, da gestire, soprattutto alla luce della situazione falli, nettamente in vantaggio di colori biancoazzurri (2 a 6).
Come spesso accade in questo campionato, quando il Brindisi ha da gestire un cospicuo margine di vantaggio, o per questioni mentali o per sfortuna, non riesce ad affondare e chiudere definitivamente gli incontri, ma si complica la vita, facendo rientrare gli avversari che spesso si aggiudicano l’incontro sul foto-finish.

Romano-Francesco-pivot-2Mr Foggetti corre ai ripari, cambiando tattica e affidando le speranze di rimonta al gioco del portiere in movimento. La superiorità numerica non porta i frutti sperati, ma da una palla persa a centro campo dai brindisini, che nasce la reazione ospite. Al 15° Ignomiriello conclude a rete il contropiede iniziato da Carlucci. Qualche secondo più tardi è Depalma a siglare il terzo goal personale e portare i suoi a una sola distanza di lunghezza. La situazione falli, consente a Macaolo di tornare sul dischetto, ma questa volta è il palo a negargli la gioia del goal. Due minuti più tardi, al 17° Romano (foto a lato) sigla la sua cinquina personale e porta i suoi sull’8 a 6. Questa volta sembra essersi concretizzata la zampata vincente, ma così non è Succede di tutto, ribaltamenti di fronte con interventi al limite del regolamento, non sanzionati per svista o per accentuazione da parte dei giocatori in campo. L’esperto Carlucci accorcia e Ignomiriello pareggia, tutto nel giro di pochi secondi. Partita stregata per i colori biancoazzurri, pare che neanche questa volta sia quella giusta e la beffa sia dietro l’angolo. Tre minuti alla fine, che con il tempo effettivo, danno la possibilità di giocare per un tempo lunghissimo e consentire di vivere diverse emozioni sportive.
A un minuto dalla fine, Cava riporta in vantaggio i suoi, ma le emozioni non sono finite. Al 20° minuto Caselli su tiro libero raddoppia le distanze di vantaggio, mettendo al sicuro il risultato. A venti secondi dalla fine Depalma accorcia, siglando il quarto goal personale, ma la partita è saldamente nelle mani dei padroni di casa che gestiscono fino al fischio finale.
Il mal di vantaggio, manifestatosi in altre occasioni, questa volta non ha avuto il tempo di concretizzarsi. I biancoazzurri portano a casa una vittoria importante contro una squadra di pari classifica, che gli consente di smuovere la classifica e allontanarsi dalla zona rossa.
La prossima giornata vedrà i brindisini ospiti dei cugini dell’Atletico Azzurri Santa Rita, fermi ancora ai nastri di partenza, ma che nelle ultime giornate hanno perso per un solo goal di svantaggio. Non sarà una semplice passeggiata, ma bisogna dare continuità ai risultati e raggiungere quanto prima le posizioni di classifica che competono a un roster d’esperienza e dal tasso tecnico elevato, come quello brindisino.

Prossimo appuntamento casalingo, Sabato 8 Dicembre ore 16:00 Pala Da Vinci – 15^ giornata di andata di Campionato, contro l’Audace Monopoli.

Futsal Brindisi
1 Paradiso (p), 2 Spagnolo, 3 Micia, 4 Macaolo, 5 Conte, 7 Cava, 8 Caselli, 9 Taccone
10 Tomassini (cap), 11 Romano, 12 Perseo, 13 De Carlo (p). All. Di Serio. Dir. Maggiore.
Marcatori: Romano (5) 6°, 8°, 14° e 15° pt, 17° st;
Cava (2) 7° e 19° st;
Micia (1) 9° pt;
Macaolo (1) 12° st;
Caselli (1) 20° st;
Ammoniti: Spagnolo, Micia, Romano e Perseo.
Espulsi: /////.

Dream Team Paolo del Colle
1 Amati (p), 2 Ignomiriello, 3 Dioguardi, 4 Lamberti, 5 Palermo, 6 Carbonara, 7 Cassano,
8 Solimini, 9 Depalma, 10 Carlucci (cap), 11 Serafino, 16 Bosco (p). All. Foggetti.
Marcatori: Depalma (4) 2 marcature al 4° pt, 15° e 20° st;
Carlucci (3) 10° e 13° pt, 17° st;
Ignomiriello (2) 15° e 17° st.
Ammoniti: Palermo, Carbonara e Solimini.
Espulsi: /////.

13^ giornata Serie C1 – sabato 24
Azzurri Conversano – Futsal Andria 7 – 4
Eraclio Barletta – Atletico Azzurri S. Rita 5 – 4
FUTSAL BRINDISI – Dream Team Paolo del Colle 10 – 9
Futsal Monte Sant’Angelo – Futsal Barletta 9 – 4
Gioco Calcio tra Amici – Audace Monopoli 2 -5
Olympique Ostuni – Polisp. Five Bitonto 2 – 2
Real Castellaneta – San Ferdinando 5 – 3
Trulli e Grotte – Just Mola 2 – 5

Classifica
28 Eraclio Barletta;
27 Olympique Ostuni;
26 Futsal Barletta e Just Mola;
24 Futsal Monte Sant’Angelo;
23 Trulli e Grotte;
22 Polisp. Five Bitonto;
20 Futsal Andria e Audace Monopoli;
18 FUTSAL BRINDISI;
16 Azzurri Conversano;
13 Dream Team Palo del Colle, San Ferdinando e Real Castellaneta;
8 Gioco Calcio tra Amici;
0 Atletico Azzurri S. Rita.

14^ giornata Serie C1 – sabato 01 dicembre 18
Atletico Azzurri S. Rita – FUTSAL BRINDISI
Audace Monopoli – Eraclio Barletta
Dream Team Paolo del Colle – Trulli e Grotte
Futsal Andria – Olympique Ostuni
Futsal Barletta – Azzurri Conversano
Just Mola – Futsal Monte Sant’Angelo
Real Castellaneta – Polisp. Five Bitonto
San Ferdinando – Gioco Calcio tra Amici

logo futsal brindisi

Articolo, dati statistici e foto sono offerti dall’ASD FUTSAL BRINDISI (Ufficio Stampa). Il video servizio, realizzato da Giovanissimi Radio Tv, è tratto da You Tube.

La Regina Apuliae e Papa Benedetto a Brindisi (VIDEO)

reginaapuliaeLa Madonna è Regina del Cielo e della terra, ed è anche Regina della Puglia. Anzi: Benedetto XVI nella sua visita del Giugno 2008 – a Brindisi e Santa Maria di Leuca – vedi video in fondo –  ebbe a definirla “Regina Apuliae”. Pertanto il suo messaggio odierno “è valido” anche per noi, quattro milioni di pugliesi! 

Cari figli! Questo tempo è tempo di grazia e di preghiera, tempo di attesa e di donazione. Dio si dona a voi perché lo amiate al di sopra di ogni cosa. Perciò, figlioli, aprite i vostri cuori e le vostre famiglie affinché quest’attesa diventi preghiera ed amore e soprattutto donazione. Io sono con voi, figlioli e vi esorto a non rinunciare al bene perché i frutti si vedono, si sentono, arrivano lontano. Perciò il nemico è arrabbiato e usa tutto per allontanarvi dalla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

Queste le parole che ci ha donato la Regina della Pace oggi ed invece, di seguito, viene riportato un video di quel 14 Giugno 2008 quando Benedetto XVI giunse a Brindisi. E’ un filmato amatoriale ma è bello perché immortala Papa Ratzinger che transita sul Lungomare accolto da centinaia di persone (e molte di più lo attendevano sul Piazzale Lenio Flacco. Oltre cinquantamila, invece, avrebbero presenziato alla Messa del giorno successivo, Domenica 15 Giugno, celebrata sul Piazzale Sant’Apollinare. Ecco, dunque, il video “arricchito” di dialoghi in dialetto brindisino:

CONVEGNO ANNUALE 2018 DELL’OVE (Opera Vocazioni Ecclesiastiche) A BRINDISI

Il Sacerdozio e la spiritualità sacerdotale saranno l’oggetto del Convegno annuale dell’Ove – Opera Vocazioni Ecclesiastiche della diocesi di Brindisi – Ostuni che si terrà Sabato 24 Novembre 2018 presso il Santuario di Jaddico in Brindisi con inizio alle ore 16.30.

LOCANDINA CONVEGNO OVE 2018

Il tema del convegno è, come detto, la Spiritualità sacerdotale (“Il sacerdote si dona alla Comunità come Cristo alla Sua Sposa”) ed avrà come Relatore il Carmelitano Scalzo padre Enzo Caiffa, Rettore del Santuario “Santa Maria Madre della Chiesa” -che ospita il Convegno- già Superiore Provinciale OCD e formatore dei Novizi e Postulanti. Un esperto “sul campo” dunque di questo delicato ed importantissimo compito nella Chiesa. La formazione dei sacerdoti è tema ineludibile, basilare quasi.

PADRE ENZO CAIFFA

Padre Enzo Caiffa OCD

COPERTINABasti pensare che uno dei primissimi Documenti del Pontificato di Benedetto XVI riguardava proprio i criteri di discernimento vocazionale degli aspiranti in vista della loro ammissione al Seminario e agli Ordini sacri (CLICCA QUI) : Papa Ratzinger conosceva bene, fin da Cardinale, certi disordini morali, dottrinali e spirituali che funestano il Clero. Ecco l’importanza di avere Sacerdoti ed ancor più di avere Sacerdoti santi! A noi è dato di pregare, pregare tanto (“Messis quidem multa, operarii autem pauci; rogate ergo….”). E pregare per le Vocazioni è precisamente il compito e la ragione d’essere dell’Ove: in questo convegno annuale sarà l’occasione per ritrovarsi tutti assieme con la Presidente diocesana Anna Maria De Matteis ed ascoltare le parole sul Sacerdozio di padre Caiffa.

Il Convegno 2018 si chiuderà alle ore 18,30 con la Santa Messa presieduta da S. E. Mons Domenico Caliandro Arcivescovo della Diocesi.

Uaragniaun! Nuovo disco – CILLACILLA- e tour per Maria Moramarco

MARIA MORAMARCO
&
Uaragniaun
presentano
Cillacilla

Copertina Cillacilla

il nuovo disco della cantante e ricercatrice di Altamura,
sostenuto da Puglia Sounds Record,
che fa rivivere canzoncine, rime e filastrocche dell’Alta Murgia
giovedì 22 novembre, Francavilla Fontana
venerdì 23 novembre, Lecce
domenica 25 novembre, Brindisi

Tour salentino per Maria Moramarco degli Uaragniaun, che canta la tradizione dell’Alta Murgia il 22 novembre a Francavilla Fontana (ore 18, Castello), il 23 novembre a Lecce (Fondo Verri, ore 20.30) e il 25 novembre a Brindisi (Punto Luce/Spazio Mamme, ore 17.30), dove presenta il nuovo cd Cillacilla nel quale dà voce a canti e altri materiali della tradizione orale legati al mondo dell’infanzia, raccolti sin dagli anni Settanta. Ad accompagnarla, Luigi Bolognese (chitarre), Alessandro Pipino (organetto e fisarmonica) e Adolfo La Volpe (oud e chitarra portoghese).

Maria Moramarco (1)

Maria Moramarco, che dai tanti incontri avuti con numerose cantatrici locali ha imparato non solo le varie versioni dei canti ma soprattutto il modo tradizionale di interpretarli, in venti tracce ricostruisce un mondo di canzoncine, rime e filastrocche – riproposte volutamente senza eccessive rielaborazioni – con le quali i bambini accompagnavano i giochi nella civiltà contadina e pastorale (solo un paio di brani sono in parte originali). E utilizza anche frammenti di registrazioni autentiche, una del 1977, la ninna nanna che le cantava nonna Maria Tragni, l’altra del 1978, La restoccie, nella quale si può ascoltare sia la voce cantata che parlata di Maria Cristallo, oggi novantaquattrenne e preziosa informatrice di Maria Moramarco.

Appartenente a una famiglia di cantori, Maria Moramarco da oltre quarant’anni è impegnata nella valorizzazione del folclore della sua terra. E ripercorrendo la lezione di Alan Lomax e Diego Carpitella, l’anima e la voce del progetto Uaragniaun ha svolto un lungo e articolato lavoro di recupero sul campo di un’antica memoria, adesso confluita per l’etichetta Suoni delle Murge in questo progetto ispirato al capoverso di una cantilena.

 

A sostenere Maria Moramarco in questa nuova avventura discografica, vincitrice del bando Puglia Sounds Record, i vecchi compagni di viaggio di Uaragniaun, il chitarrista Luigi Bolognese, il percussionista Silvio Teot, il flautista Pino Colonna e il violinista Filippo Giordano, con i quali sinora la cantante e ricercatrice ha affrontato, in undici cd, un lungo percorso di rivisitazione dell’immenso patrimonio di canti e musiche della Murgia barese.

E poi i collaboratori Nanni Teot (tromba e flicorno), Michele Bolognese (mandolino, mandoloncello e tamburello) ed Erika Maiullari (violoncello), oltre a tre ospiti d’eccezione, Alessandro Pipino agli organetti, alla fisarmonica e ai colori sonori, Adolfo La Volpe all’oud e alle chitarre e Rashmi V. Bhatt alla voce.

Cillacilla è realizzato con il sostegno di PUGLIA SOUNDS RECORD 2018 – REGIONE PUGLIA – FSC 2014/2020 – Patto per la Puglia.